Roma coi miei occhi

Quando la casa della mia famiglia è diventata troppo grande, ho deciso di dedicarne una parte all’accoglienza dei viaggiatori.

A Roma ci sono moltissime strutture ricettive ma io volevo realizzare qualcosa di diverso, che facesse sentire l’ospite accolto come in casa di amici, che non desse la sensazione di trovarsi sperso nella capitale, sopratutto per chi viene da piccole e ordinate realtà. Spesso l’immagine di Roma è quella di una città caotica, invasa da gruppi di giapponesi e centurioni che vendono souvenir tra file interminabili di turisti davanti ai monumenti. Ma Roma non è questa. La mia Roma, quella che vivo da cittadina e anche da guida turistica non è così. La mia casa accoglie gli ospiti in un ambiente intimo, in un quartiere residenziale abitato da romani e da alcuni stranieri che lo hanno scelto arrivando da chissà dove, proprio a due passi dal centro. Quando mi viene chiesto aiuto per organizzare le giornate dei miei ospiti, dai musei ai ristoranti allo shopping, mi diverto a creare per loro itinerari rilassanti, proprio come farei io se dove portare la mia famiglia in giro per Roma. Così mi sento sempre in vacanza.
Ormai sono 12 anni che faccio questo lavoro, e di soddisfazioni ne ho avute tante, la sfida ora è andare avanti e adeguarsi ai cambiamenti che questo strano 2020 ci ha messo davanti.

We use cookies on our website. Some of them are essential for the operation of the site, while others help us to improve this site and the user experience (tracking cookies). You can decide for yourself whether you want to allow cookies or not. Please note that if you reject them, you may not be able to use all the functionalities of the site.